Seguici su Facebook
Inserito in: Allenamento
17/12/2014

L'importanza del personal trainer in palestra

Autore: Manuela Coltelli

Oggi molte palestre offrono un servizio di personal trainer in aggiunta al normale abbonamento da palestra. Gli iscritti in palestra possono avvalersi della consulenza di un trainer specializzato che li seguirà durante le sedute di allenamento aiutandoli a raggiungere i loro obiettivi. Il servizio di personal trainer ha un costo a parte rispetto a quello dell'abbonamento, un costo che in alcuni casi può essere anche molto salato. Ecco perché bisogna scegliere con attenzione il personal trainer e ragionare sull'effettiva convenienza di questa metodologia di allenamento.

Chi è il personal trainer

Il personal trainer è un tecnico dello sport che segue l'allenamento dei suoi clienti in maniera individuale. A differenza di una normale lezione di palestra, la lezione con un personal trainer non prevede la presenza di terze persone. L'allenatore può perciò dedicarsi al 100% al suo cliente, aiutandolo ad ottimizzare il tempo a sua disposizione.
Per diventare personal trainer bisogna essere istruttori sportivi in possesso delle necessarie qualifiche ed aver svolto un corso apposito e riconosciuto per personal trainer.
Il personal trainer di solito lavora come libero professionista appoggiandosi a diverse strutture sportive o recandosi in casa dei propri clienti. Può procurarsi da solo i suoi clienti oppure può lasciare alle palestre la ricerca dei contatti e la gestione della clientela. Nel secondo caso, il personal trainer può anche essere un lavoratore dipendente della palestra.

I compiti del personal trainer

Affidarsi ad un personal trainer significa farsi seguire durante le sessioni di allenamento allo scopo di raggiungere i propri obiettivi e farlo senza conseguenze negative per la salute.
Il personal trainer ha il compito di:
  • definire con il cliente gli obiettivi a medio e lungo termine, individuando i traguardi realistici che il cliente potrà raggiungere grazie ad un serio allenamento. Il personal trainer non può fare false promesse, ma deve valutare realisticamente la situazione del cliente e offrirgli una prospettiva verosimile, comunicando in modo chiaro a cosa si dovrà puntare e quanto tempo sarà necessario per raggiungere l'obiettivo.
  • impostare una tabella di allenamento personalizzato che tenga conto sia degli obiettivi sia delle condizioni fisiche del cliente. Il livello pregresso di allenamento, lo stato di salute del cliente, così come il tempo e il budget che questi ha a disposizione hanno profonda influenza sul programma di training sportivo.
  • seguire l'allenamento del cliente spiegando l'esercizio, dettando i tempi e correggendo gli errori di postura o di esecuzione.
  • dare consigli sull'alimentazione sportiva e, senza sostituirsi al dietologo, migliorare lo stile alimentare del cliente per aiutarlo ad affrontare con più energie l'allenamento.
  • diventare un punto di riferimento per il cliente spronandolo a trovare la motivazione necessaria ad affrontare i sacrifici dell'allenamento. Da questo punto di vista, il personal trainer è un coach, una guida.

Allenarsi a casa con un personal trainer

Alcuni allenatori offrono un servizio di allenamento a domicilio. Questa opzione di solito è più costosa di quella in palestra, ma del resto non comporta spese aggiuntive come l'abbonamento alla sala pesi o la benzina per raggiungere la palestra.
Per svolgere un allenamento che funzioni, bisogna avere spazio a sufficienza e possedere almeno gli attrezzi base. Sconsigliamo inoltre di far entrare dentro casa persone non di fiducia.

Perché affidarsi ad un personal trainer

I motivi per cui si può decidere di iniziare un percorso mirato con un allenatore individuale possono essere diversi. Vi è ad esempio chi lo fa perché non riesce a fare sport con costanza e sente di avere bisogno di una guida e, in alcuni casi, di uno sprone.
Alcune persone, invece, possono sentirsi inadeguate in palestra e temono di non riuscire ad allenarsi nel modo corretto a causa del'inesperienza.
Chi ha problemi di salute grave può desiderare la consulenza di un professionista per evitare di farsi male o di aggravare il proprio stato fisico. Alcune patologie (obesità, ipertensione, osteoporosi etc.) richiedono infatti particolari cautele nell'esecuzione di esercizi sportivi. Lo stesso dicasi per le persone che devono fare la riabilitazione dopo un trauma o una frattura.
Gli sportivi professionisti o i semi-professionisti che devono allenarsi per un obiettivo specifico come una gara avranno probabilmente bisogno di un affiancamento da parte del personal trainer, che a quel punto sarà molto simile ad un preparatore atletico.

Quando il personal trainer è inutile

Allenarsi con un personal trainer non è mai inutile, a meno che il cliente non si sia fatto un'idea sbagliata di quello che l'aspetta. È meglio risparmiare i soldi e continuare ad allenarsi da soli se:
  • si crede che l'allenamento con il personal trainer risolva tutti i problemi in pochissimo tempo
  • si crede che l'allenamento non sia faticoso perché "tanto farà tutto lui"
  • non si ha intenzione di prendere un impegno fisso e costante
  • non si ha piena fiducia nel proprio allenatore

Come scegliere l'allenatore

Sulla scelta del personal trainer devono influire motivazioni di carattere sia tecnico sia psicologico. Per valutare il livello tecnico del personal trainer, occorre procurarsi il suo curriculum vitae, in cui dovranno essere riportate tutte le sue qualifiche e il suo bagaglio di esperienze lavorative. Se l'istruttore dichiara di aver fatto esperienze che non è in grado di dimostrare, è meglio non fidarsi. A al proposito, oltre a leggere il curriculum, potrebbe essere utile chiedere delle referenze o affidarsi al passaparola di persone di fiducia.
Accertatevi che il personal trainer posso lavorare nella palestra in cui intendete allenarvi. Se la vostra palestra è seria e professionale, potreste chiedere il contatto degli istruttori che effettuano il servizio di personal training. Questa soluzione è molto comoda se avete già sottoscritto un abbonamento e non avete intenzione di cambiare palestra. La palestra The Club beauty factory di Roma, ad esempio, offre ai suoi clienti il servizio aggiuntivo di allenamento con personal trainer, e molte altre palestre in tutta Italia seguono il suo esempio.
Prima di comprare un pacchetto di lezioni, fissate un colloquio con il candidato. Anche una semplice chiacchierata vi aiuterà a capire se è una persona seria ed affidabile. Provate una singola lezione e valutate l'impatto emotivo: con un personal trainer dovrete impostare un rapporto di fiducia e collaborazione, per cui anche la simpatia che corre tra di voi deve essere presa in considerazione.
Resta aggiornato su sport e fitness cliccando su Mi Piace
Commenta l'articolo
Username
Email
Web
Voto (1) (10)
Commento
Codice Sicurezza
Digitare Codice Sicurezza
  Invia

Sport Magazine